fbpx
Bimbi

Caldo estivo e gravidanza: possibili rischi per le donne incinta

Le calde e appiccicose giornate estive sono sgradevoli a chiunque, ma per le donne incinta possono essere particolarmente rischiose.

 

Questo perché avere troppo caldo o non idratarsi a sufficienza può portare a delle complicazioni della gravidanza, dicono gli esperti.

 

Ipertermia e gravidanza precoce

L’ipertermia, ossia l’aumento della temperatura corporea, durante una gravidanza precoce, ad esempio, può aumentare il rischio di malformazioni alla nascita. In particolare, è stato documentato come le donne che hanno sofferto di ipertermia – dovuta a febbre o all’esposizione ad alte temperature – nelle prime sei o otto settimane di gravidanza, hanno un rischio maggiore di avere figli con anomalie al cervello o al midollo spinale, come la spina bifida.    

 

Tuttavia, il rischio di malformazioni legate all’ipertermia è limitato solo alle prime otto settimane di gravidanza, prosegue Aftab. In altre parole, se la futura mamma ha un aumento repentino della temperatura corporea dopo l’ottava settimana di gravidanza, questo non ha effetti sullo sviluppo del nascituro.    

 

Il rischio di anomalie è comunque limitato, sottolinea Aftab. Negli Stati Uniti ogni anno nascono 1.500 bambini con spina bifida, all’incirca 3 casi ogni 10.000 nascite, stando ai dati del Centers for Disease Control and Prevention.

 

Disidratazione: i rischi

La disidratazione “può creare una serie di problemi potenziali per le donne incinta afferma il Dottor Saima Aftab, direttore del Fetal Care Center at Nicklaus Children’s Hospital in Miami. Come regola generale, i dottori consigliano alle donne in gravidanza di evitare “qualsiasi situazione di caldo eccessivo”, prosegue Aftab.

 

È normale che durante la gravidanza, dati i numerosi cambiamenti a cui il corpo di una donna è sottoposto, la gestione dei liquidi corporei e il controllo della temperatura si modifichi, rendendo più facili situazioni di disidratazione.

 

È dunque importante idratarsi nel modo corretto durante tutti i nove mesi di gravidanza.

 

Quali i rischi della disidratazione?

  • Vertigini, che possono causare cadute improvvise,
  • Produzione della vasopressina, un ormone antidiuretico, che recupera i fluidi necessari all’organismo in situazione di disidratazione, formando urine più concentrate,
  • Nascite premature
  • Basso peso alla nascita dei neonati

 

Consigli per le donne incinta

Aftab consiglia a tutte le future mamme, durante i giorni più caldi, di non esporsi in modo diretto al sole e di bere molto: almeno 10-12 bicchieri d’acqua al giorno.

 

Integratori per ritrovare le energie

Oltre ad idratarsi in modo adeguato e assumere alimenti sani ed equilibrati, un valido aiuto per le future mamme viene dagli integratori.

 

Per ridurre l’eccessiva stanchezza e ritrovare le energie, sono consigliati quelli a base di Magnesio pidolato, meglio assorbito a livello intestinale e cellulare. Molto utile in situazioni di emergenza.

 

Avvertenza

Lo studio si basa solo su un’associazione e non su una relazione definita di causa-effetto. Pertanto ulteriori approfondimenti e studi a supporto sono necessari.

 

Fonti per approfondimento:

https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/pregnancy-week-by-week/expert-answers/pregnancy-and-hot-tubs/faq-20057844

 

https://utswmed.org/medblog/braxton-hicks-contractions/

 

https://academic.oup.com/aje/advance-article-abstract/doi/10.1093/aje/kwy116/5036486

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

28 Condivisioni