fbpx
Bimbi

Come insegnare le buone maniere

Crescere un figlio significa educarlo a “tutto tondo” e visto che insegnare le “buone maniere” è importante cerchiamo di dare qualche consiglio su come si possono passare questi insegnamenti ai nostro figli cercando di non diventare noiosi e quindi di sortire l’effetto opposto.

Incominciare subito

Di solito un adulto maleducato è stato un bambino maleducato e viceversa un adulto educato lo è perché ha ricevuto una buona educazione da piccolo.

Sembrano considerazioni ovvie, ma non sempre entrano nel patrimonio comune.

Sarà capitato a tutti di vedere la mamma o il papà gettare per strada il mozzicone di sigaretta, il fazzoletto di carta usato o il biglietto del tram: nessuna meraviglia se poi nostro figlio farà lo stesso.

Così, appena il bambino è in grado di capire e di ragionare è bene cominciare ad educarlo a stare a tavola, a salutare, a ringraziare, a chiedere con gentilezza e via discorrendo.

Il potere del buon esempio

Tutti ci siamo accorti che i bambini ci scimmiottano: un esempio vale più di molte parole.

Non si può pretendere che il proprio figlio non dica le parolacce quando in famiglia si usano spesso e volentieri. Certo, capita a tutti di farsi sfuggire un’imprecazione, come capita di avere uno scatto d’ira. Non sarà di certo questo a pregiudicare la buona educazione dei nostri figli.

Anche i genitori sono esseri umani e per questo sbagliano, meglio che i figli lo sappiano e lo capiscano.

Una volta non cambia nulla. Una volta, non sempre.

Un po’ per volta

La politica dei piccoli passi normalmente è vincente e soprattutto non è così faticosa come può sembrare.

Non si può rimandare la buona educazione a domani, quando il bambino sarà grande e tutta in una volta.

Non servirebbe a niente.

Prendiamo per esempio la buona educazione a tavola: cominciamo ad insegnargli a stare correttamente seduto e ad imparare ad usare cucchiaio e forchetta.

Quando sarà il momento, userà anche il coltello, ma intanto avrà preso confidenza con le altre posate.

Insegnamogli a dire “per favore” e “grazie” tutte le volte che serve e diciamolo anche noi.

Certo, non è facile, ma piano piano, con pazienza ci si riesce.

E’ molto importante tenere sempre a mente una regola basilare qualsiasi sia l’insegnamento che vogliamo dare a nostro figlio: non umiliarlo mai davanti agli altri.

Questo lo esporrebbe alla derisione dei presenti e urterebbe la sua suscettibilità con il risultato di renderlo ribelle o di farlo chiudere in se stesso.

Dieci piccole regole da seguire:

  1. Dare l’esempio
       
  2. Spiegare perchè una cosa si fa o non si fa
       
  3. Raccomandare, non ordinare
       
  4. Avere pazienza
       
  5. Non stancarsi di ripetere
       
  6. Fare osservazioni solo quando è necessario
       
  7. Non pretendere che il bambino sia un robot: qualche volta può anche dimenticare una raccomandazione
       
  8. Essere coerenti e non scendere a patti nemmeno una volta: diventerebbe un’abitudine
       
  9. Non umiliarlo in pubblico
       
  10. Lodarlo tutte le volte che mette in pratica quello che gli è stato insegnato.

A cosa applicarle?

A tutti i settori della vita, avendo presente che i bambini hanno un’ottima memoria e ricordano facilmente quello che hanno imparato da piccini. Crescendo non avranno più bisogno di solleciti per essere ben educati: comportarsi in un certo modo diventerà un’abitudine di nessuna fatica.
   
Con il contributo dell dott.ssa Gabriella Fiecchi

Farmacista formulatore, giornalista
Farmacista formulatore, giornalista

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni