fbpx
Over 50

I dolcificanti e gli additivi fanno bene o male alla linea?

Parliamo dei dolcificanti. La loro azione è quella di tagliare le calorie altrimenti introdotte con gli zuccheri.

Normalmente quelli più usati sono la saccarina, l’aspartame e il sucralosio

Uno studio americano di circa 10 anni, condotto su 1454 persone da parte del National Institute on Aging, presso l’US Department of Health and Human Service, ha evidenziato che il girovita di chi consuma abitualmente sostituti dello zucchero è più largo in media di 2,6 cm.

La spiegazione è data dal fatto che tali dolcificanti di sintesi alterano la flora batterica intestinale a vantaggio del microbiota che ottimizza l’assimilazione di grassi e zuccheri, dando anche la possibilità di stimolare il rilascio di insulina.

Dolcificanti vegetali

I dolcificanti di origine vegetale come il mannitolo, lo xilitolo e il sorbitolo sono meno nocivi da questo punto di vista anche se un loro abuso può comunque infiammare o irritare l’intestino inducendo un’azione lassativa. 

La stevia che è commercializzata dal 2012, sembra attualmente essere la miglior soluzione.

Gli additivi

Anche gli additivi giocano un ruolo fondamentale nel mantenimento o meno di una linea adeguata. 

Gli alimenti industriali sono infatti una causa di sovrappeso importante sia perché contengono ingredienti raffinati con alto indice glicemico, sia per gli additivi contenuti (edulcoranti, conservanti ecc.) per renderli maggiormente appetibili. Ma tali eccipienti nascondono una insidia : alterano il metabolismo e inibiscono la naturale percezione dell’appetito

L’HFCS o High Fructose Corn Syrup (sciroppo di zucchero di mais) è un prodotto molto usato per dolcificare caramelle, bibite, salse pronte, condimenti, pane confezionato, cereali per la prima colazione. Questo zucchero occulto sembra incidere sul meccanismo di regolazione della fame, inibendo il senso di sazietà.

Il mono-glutammato di sodio presente nei dadi o nelle minestre e prodotti surgelati e liofilizzati, dona un sapore ricco ma crea una dipendenza da gusto.

Infine i grassi Trans o Idrogenati che non esistono in natura e vengono aggiunti nei prodotti sia dolci che salati per aumentarne la spalmabilità, determinano una impennata dei livelli di colesterolo cattivo poichè impediscono al fegato di riassorbirlo, rallentando i processi metabolici e facendo così predisporre ad un aumento di peso.

Fonte

RIZA DOSSIER giugno/luglio 2018

Naturopata
Naturopata ed esperta in riequilibrio alimentare con orientamento psicosomatico. Una sosta nella scienza ufficiale (scienze biologiche) le ha permesso di considerare l’uomo da un punto di vista microscopico. La passione per la natura, la filosofia e la psicologia di unire il microscopico con qualche cosa di più grande: il macrocosmo. È associata alla Federazione Italiana Naturopati Riza ed iscritta al Registro Regionali degli operatori in Biodiscipline Naturali. È specializzata anche in “strumentazione bioenergetica per la prevenzione e cura delle intolleranze alimentari con la tecnica EAV”, kinesiologia Applicata, Erboristeria Stagionale, Oligoelementi e Vitamine, Erboristeria/floriterapia, Tecnica Metamorfica e Tecnica di Theta Healing. Da anni scrive su un mensile distribuito localmente e conduce seminari e conferenze sull’uso consapevole dell’alimentazione e delle erbe come strumento di prevenzione e mantenimento della salute, partecipando ad eventi di informazione patrocinati dal consiglio di zona e diretti dall’istituto Don Gnocchi di Milano.

Riceve nel suo studio di Milano in via Terruggia 1.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni