fbpx
Sport

Il sudore: una nuova fonte per studiare la nostra salute

Alcuni ricercatori cinesi utilizzando un biosensore adesivo sono stati in grado di misurare dal sudore il suo pH, la sua concentrazione di glucosio, calcio e cloruro.

Questo può essere un inizio per riuscire a studiare test diagnostici meno invasivi rispetto all’analisi del sangue ed altri esami.

La nuova tecnologia

Gli scienziati guidati dal professor Zhang Xueji dell’Università della Scienza e della Tecnologia cinese hanno sviluppato un biosensore che raccoglie e, insieme a uno smartphone, analizza il sudore.

Per realizzare il loro dispositivo, i ricercatori hanno ricoperto un film di poliestere flessibile con una sospensione di silice superidrofobica. Hanno poi inciso dei micropozzetti nello strato di silice per raccogliere il sudore.

Sul fondo dei pozzetti, hanno posto coloranti che cambiano colore a seconda del pH e della concentrazione di cloruro, glucosio o calcio.

Il tutto viene poi attaccato con una fascia sulla pelle di un volontario.

Facendo fare esercizio fisico al soggetto il sudore si accumula nei micropozzetti il cui fondo cambia colore.

Analizzando i colori con un telefono cellulare, i ricercatori hanno determinato il valore del pH e degli altri parametri.

Le ricerche continuano per aumentare la sensibilità del dispositivo.

Fonti:

https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acs.analchem.8b05875

https://www.acs.org/content/acs/en.html

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

28 Condivisioni