fbpx
Alimentazione

L’inverno è arrivato, prepariamoci ad accoglierlo

Ci siamo, anche quest’anno il freddo è arrivato! D’altronde non vivendo ai tropici ce lo aspettavamo! Cominceranno i soliti malanni stagionali, i raffreddori, le raucedini e con loro le serate e le cene rimandate.

Non facciamoci trovare impreparati e adottiamo delle abitudini e degli stili di vita che ci permettano di vivere appieno anche durante la stagione invernale, senza rinunciare ai nostri svaghi e senza andare in giro come zombie con nasi rossi e gocciolanti.

Anche l’inverno può essere bello: qualche consiglio

In casa la temperatura è ideale, quando usciamo veniamo investiti dall’aria fredda. Entriamo in un luogo chiuso e sembra di essere ai tropici. E’ giocoforza ammalarsi.

Per affrontare questi sbalzi termici il consiglio più saggio è quello di vestirsi in modo da “potersi svestire”. Il metodo ormai conosciuto del “vestirsi a cipolla” è valido anche per i mesi freddi. Non intestardiamoci a tenere la sciarpa o il foulard al collo anche in ufficio anche se completa il nostro abbigliamento. Quando entriamo nei negozi togliamoci il cappello o i guanti perché devono servirci dopo, quando usciamo di nuovo al freddo.

La pandemia ci ha insegnato che i virus proliferano nei luoghi chiusi e poco arieggiati, quindi facciamo prendere aria alle stanze, soprattutto se si tratta di un ufficio dove lavorano più persone o di un’aula scolastica.

L’alimentazione può esserci utile

Un’alimentazione corretta ed equilibrata in macro e micronutrienti può aiutare a prevenire i malanni invernali.

Infatti alcuni micronutrienti (vitamine e minerali) sono particolarmente indicati per rafforzare il sistema immunitario con la loro azione antiossidante e protettiva.

I macronutrienti (proteine, carboidrati e lipidi) ci danno il giusto apporto energetico, che durante l’inverno aumenta perché il nostro corpo deve attivare la termoregolazione.

La prevenzione inizia con l’alimentazione. Alcuni cibi infatti grazie alla loro ricchezza in macro e micronutrienti  possono aiutarci a rinforzare le nostre difese. Innanzitutto assicuriamo al nostro corpo degli alimenti freschi e di stagione, evitando ciò che è preconfezionato perché potrebbe essere impoverito di quei nutrienti di cui necessitiamo maggiormente. Consumiamo quindi frutta e verdura fresche e cuciniamole il più semplicemente possibile.

Quali sono le vitamine che ci sostengono in inverno?

Le vitamine A, E, C sono le vitamine con maggiore azione antiossidante; in particolare la vitamina E e la vitamina C agiscono in modo sinergico, difendendo così le nostre cellule in ogni loro parte strutturale.

La vitamina A

Dal punto di vista delle difese immunitarie, la mancanza di vitamina A nell’organismo, può compromettere il funzionamento della prima linea difensiva rappresentata dalle barriere anatomiche, cioè la pelle e le mucose respiratorie, in contatto con l’ambiente esterno.

In mancanza di vitamina A l’alterazione delle mucose determina la perdita di cellule che producono muco. Il muco protettivo diminuisce la capacità delle mucose di funzionare come barriere che impediscono l’entrata di microorganismi che causano infezioni.

Quindi la vitamina A aiuta il sistema immunitario a lavorare correttamente, contribuendo a controllare le infezioni.

La vitamina A è introdotta nell’organismo attraverso gli alimenti in due forme:

  • direttamente come vitamina A (retinolo), attraverso i cibi di origine animale
  • come provitamina A (carotenoidi), precursore della vitamina, mediante cibi di origine vegetale.

La vitamina A, come beta-carotene (precursore), è presente in tutte le verdure e la frutta color arancio o verde scuro. Utilizziamo, ad esempio, per le nostre pietanze i peperoni gialli o rossi, le carote e la zucca.

Durante l’inverno inoltre troviamo in abbondanza le verdure verdi come gli spinaci (meglio se freschi e non surgelati), i broccoli e le verze.

Buone fonti di vitamina A sono gli alimenti di origine animale come il formaggio, le uova, il pesce grasso, il latte, lo yogurt ed il fegato.

La vitamina E

La vitamina E o Tocoferolo, è una vitamina liposolubile ed ha diverse proprietà. Prima fra tutte è la sua proprietà antiossidante, che protegge i tessuti dell’organismo dalle reazioni pericolose dei radicali liberi.

Inoltre la vitamina E è importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario e quindi per tenere a bada virus e batteri.

Se nel nostro organismo vi è carenza di questa vitamina, c’è una maggiore probabilità di essere esposti alle malattie ed anche di avere una convalescenza più lunga e faticosa.

Essendo liposolubile la vitamina E si trova soprattutto nei grassi ed in particolare nei grassi vegetali. Ne sono ricchi alimenti come noci, nocciole, mandorle, ma anche la soia ed i cereali integrali.

La stagione invernale ci offre delle verdure ricche di questa vitamina che si trova in buona quantità negli spinaci, nei ceci, nei marroni e nei broccoli.

Pubblicità

La vitamina C

Chi non ha mai sentito parlare della vitamina C? E’ senza dubbio la più “famosa” tra le vitamine, forse perché possiede molte proprietà benefiche.

Innanzi tutto la vitamina C svolge un’importante azione anti-age, disintossicante e protettiva dai malanni stagionali.

Proprio grazie alla sua azione immunostimolante, l’assunzione di vitamina C si rivela particolarmente utile quando il nostro organismo è più esposto al rischio di contrarre infezioni respiratorie, influenza e sindromi parainfluenzali.

Inoltre, secondo uno studio scientifico condotto in merito, la vitamina C permetterebbe di dimezzare la durata dei sintomi del raffreddore.

La vitamina C , purtroppo, viene distrutta durante la cottura e la conservazione dei cibi, ed anche durante l’esposizione di questi alla luce e all’aria. Per questo motivo se ci prepariamo una spremuta di arancia è opportuno berla subito, in modo che mantenga il suo carico di vitamina C, che altrimenti verrebbe perso con il contatto con l’aria.

L’unico frutto che mantiene inalterato il suo carico di vitamina C, è il kiwi.

Il nostro organismo, inoltre, elimina giornalmente questa vitamina attraverso il sudore e le urine, quindi non dobbiamo lesinare con gli alimenti che ne sono particolarmente ricchi, soprattutto durante la stagione invernale.

Scrigni di vitamina C sono i frutti come i kiwi e gli agrumi, ma ne sono ricchi anche i frutti di bosco (mirtilli, lamponi), che fortunatamente possiamo trovare nei supermercati anche in pieno inverno.

Nel “reparto” verdura ne sono ricchi i cavoli, i broccoli, i peperoni ed anche gli spinaci, che non dovranno mancare sulle nostre tavole.

Quando l’alimentazione non è sufficiente

Prepararsi ad affrontare la stagione fredda ed i suoi fastidiosi malanni con una corretta e mirata alimentazione è un’ottima abitudine, ma a volte non si rivela sufficiente.

Vi sono infatti particolari situazioni in cui sarebbe bene aiutarci con degli integratori, che possano fornire al nostro organismo ciò di cui necessita.

Le donne in gravidanza e allattamento, ad esempio, hanno maggiore necessità di introdurre vitamina C. Questa vitamina, infatti, contribuisce alla formazione e al sostegno dei tessuti ed è quindi indispensabile per lo sviluppo e la crescita del feto.

Anche chi fuma o beve regolarmente alcolici dovrebbe integrare l’apporto vitaminico degli alimenti perché queste due cattive abitudini diminuiscono l’assorbimento di vitamina C.

I nostri bimbi spesso non amano mangiare le verdure, soprattutto se si tratta di cavoli o broccoli. Inoltre i bambini sono senza dubbio i più esposti ai malanni invernali ed il loro sistema immunitario si deve ancora rafforzare. Anche per loro, consigliandosi con il pediatra, sarebbe bene integrare l’apporto vitaminico necessario per affrontare raffreddori ed influenze.

Laureata in Lettere, freelance
Laureata in Lettere, freelance.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni