I ragni possono “volare” grazie ai campi elettrici

I ragni possono “volare” grazie ai campi elettrici

Il terreno trasporta una leggera carica negativa e l’atmosfera è leggermente positiva e, di conseguenza, le particelle caricate negativamente possono essere trasportate nell’aria. Alcuni tipi di ragni potrebbero trarre vantaggio e fare l’autostop sui campi usando la ragnatela carica negativamente.

La biologa sensoriale Erica Morley ha scoperto che i ragni di Erigone possono percepire i campi elettrici che esistono naturalmente nell’atmosfera terrestre. Usano le informazioni per fare viaggi aerei che possono essere lunghi centinaia di chilometri, sospesi da ciuffi di ragnatele che fungono da vele, in un processo che gli scienziati hanno soprannominato scherzosamente “ballooning“. Questi ragni si uniscono alle api come gli unici artropodi che possano rilevare i campi elettrici nell’aria. I risultati sono stati descritti sulla rivista Current Biology.

Ragni in mongolfiera

Gli scienziati, fin dai primi anni del 1800, hanno studiato i “ragni in mongolfiera”, e hanno proposto due possibili spiegazioni :

  • Una possibilità sensata era che le forze di trascinamento del vento che soffiavano sulle ragnatele potessero sollevare i ragni nell’aria.
  • L’altra, idea più bizzarra, era che le ragnatele fossero caricate elettricamente e potessero trasportare i ragni attraverso i campi elettrici naturali nell’atmosfera terrestre.

Questo è il periodo di massimo splendore dell’elettricità, nei primi anni del 1800, ed è stato in prima linea nelle menti di molte persone“, afferma Morley, ricercatore biofisico sensoriale presso l’Università di Bristol.

Tuttavia, sembra che il volo elettrico dei ragni sia stato dimenticato per molto tempo dagli scienziati.

Diversi studi negli ultimi decenni hanno scoperto che il vento potrebbe sollevare i ragni, mentre l’ipotesi del campo elettrico non è stata testata. Ma la spiegazione del vento lasciava ancora alcune domande senza risposta, e nel 2013, il fisico Peter Gorham pubblicò calcoli che mostravano che il ballooning sui campi elettrici atmosferici era teoricamente possibile e poteva completare il quadro.

Questa era l’indicazione su cui si è concentrato Morley. Stava studiando il rilevamento del campo elettrico nelle comunicazioni delle api e la vibrazione nei ragni quando vide lo studio di Gorham e si rese conto che poteva effettivamente attuare gli esperimenti per testare se i ragni avrebbero risposto ai campi elettrici.

L’esperimento di Morley

Mise dei ragni in scatole che minimizzavano il movimento dell’aria e li proteggevano dai campi elettrici naturali in modo da poter controllare i campi elettrici a cui erano esposti. Quando generò campi elettrici simili a quelli naturali che i ragni avrebbero incontrato in natura, i ragni alzarono le loro zampe per far ruotare la ragnatela nell’aria. Il comportamento è chiamato “in punta di piedi”, un forte suggerimento che i ragni usano i campi elettrici come spunto per prendere il volo.

Il senso del ragno

Morley era anche curioso di sapere come i ragni rilevassero i campi elettrici. Sapeva che i bombi hanno peli che rilevano i campi elettrici e quelli del ragno percepiscono il movimento e il suono dell’aria – così i peli sensoriali sembravano una buona scommessa. Abbastanza sicuro, scoprì che i peli sensoriali sui ragni si muovevano in risposta al cambiamento dei campi magnetici.

È interessante notare che il modo in cui i peli sensoriali rispondono ai campi elettrici è diverso da come rispondono al movimento dell’aria. Una brezza fornisce una spinta costante, ma i campi elettrici spostano solo i peli quando vengono scoperti per la prima volta – i peli tornano gradualmente alle loro posizioni originali anche quando il campo è ancora presente. Ciò significa che i ragni potrebbero essere in grado di distinguere tra il vento e i campi elettrici.

Ora che sappiamo che i ragni e le api possono percepire i campi elettrici atmosferici della Terra, è naturale chiedersi quali altre creature potrebbero essere in grado di fare lo stesso. “Se entrambi sono in grado di rilevare i campi elettrici in natura, forse anche più invertebrati sono in grado di farlo“, dice Morley. Certo, dovremo aspettare altre scoperte per scoprirlo.

Fonte:
https://www.cell.com/current-biology/fulltext/S0960-9822(18)30693-6
The following two tabs change content below.
Avatar

Redazione Sanifutura

Redazione