fbpx
Tecnologia e ambiente

Occhi arrossati, le possibili cause e soprattutto i rimedi

Un fastidio agli occhi, un prurito, ci guardiamo allo specchio e vediamo i nostri occhi arrossati, perché?

Ma soprattutto cosa fare?

Le cause che determinano larrossamento degli occhi sono molte, alcune legate ad eventi traumatici, altre a situazioni temporanee, altre ad abitudini scorrette ed, alcune, a situazioni patologiche importanti.

Se non ci sono patologie importanti, perché gli occhi si arrossano?

L’arrossamento degli occhi dipende da una dilatazione dei vasi oculari superficiali, presenti nella parte bianca dell’occhio, la sclera.

Pubblicità

Generalmente, si tratta di un sintomo di un’infiammazione, di allergia, di un trauma o di un’infezione.

L’infiammazione può essere, ad esempio, determinata dalla secchezza dell’aria o da un’eccessiva esposizione alla luce del sole, che disidratano gli occhi.

Anche un granello di polvere nell’occhio può essere la causa del suo arrossamento, così come lo scorretto utilizzo di lenti a contatto.

Ad esempio, chi porta le lenti a contatto, per evitare arrossamenti e congiuntiviti, dovrebbe alternarle con gli occhiali: i nostri occhi non gradiscono la presenza di un corpo estraneo al loro interno per troppe ore.

Inoltre, se portiamo le lenti a contatto quindicinali, ricordiamoci di sostituirle alla data di scadenza indicata.

Non dimentichiamoci che l’abitudine diffusa di passare molte ore davanti allo schermo del computer o del televisore, può essere la causa di un arrossamento degli occhi.

In questo caso l’infiammazione ed il conseguente rossore, sono determinati dall’evaporazione della componente acquosa del film lacrimale. Per evitare che l’eccessiva secchezza degli occhi provochi fastidi e arrossamenti, è necessario ripristinare lo scudo lacrimale con dei prodotti specifici presenti in commercio.

Se l’arrossamento degli occhi è accompagnato da altri sintomi, come:

  • Prurito
  • Fotofobia
  • Lacrimazione eccessiva
  • Gonfiore delle palpebre
  • Sensazione di avere della sabbia negli occhi

siamo di fronte, con tutta probabilità, ad una condizione di congiuntivite allergica.

Le reazioni allergiche oculari sono causate dall’esposizione ad una sostanza a cui l’organismo è sensibile.

Queste possono essere i pollini, le polveri o altri elementi che il sistema immunitario riconosce come “pericolosi” per l’organismo.

Nel caso di congiuntivite allergica, gli occhi prudono e lacrimano e spesso si gonfiano perché i mastociti (cellule immunitarie) rilasciano istamina e altre sostanze vasoattive, che stimolano la dilatazione dei vasi sanguigni ed irritano le terminazioni nervose, favorendo una sovrapproduzione di secreto lacrimale.

Ricordiamo, però, che una diagnosi di congiuntivite si basa sempre su una visita medica e per le forme allergiche è sempre consigliabile una consulenza allergologica.

Se ormai il danno è fatto, come posso dare sollievo ai miei occhi arrossati?

In natura vi è un’erba chiamata “l’erba degli occhi”, l’eufrasia, nota da sempre per le sue proprietà antinfiammatorie, decongestionanti e lenitive, che si esplicano soprattutto a livello oculare.

Dell’eufrasia si utilizzano, in modo particolare, le parti aree, che contengono lignani, glicosidi, iridoidi, flavonoidi, tannini, acidi-fenoli ed un olio essenziale, che conferiscono proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche.

Inoltre, il suo fitocomplesso, svolge sulle mucose una potente azione antiallergica, che rende l’eufrasia un rimedio naturale adatto a quelle situazioni in cui i gonfiori e gli arrossamenti sono provocati da allergia.

Le proprietà dell’eufrasia sono note già da molto tempo alla medicina popolare, che da sempre utilizza questa pianta proprio per il trattamento di congiuntiviti, blefariti e orzaioli.

In fitoterapia e in omeopatia, l’eufrasia è usata come decongestionante della zona oculare, utile, appunto, per lenire i gonfiori delle palpebre ed alleviare i sintomi della congiuntivite.

Nella pratica quotidiana, “l’erba degli occhi”, può essere usata dalle persone che hanno gli occhi particolarmente sensibili ai fenomeni atmosferici, come il sole e il vento.

Chi soffre di lacrimazione, arrossamenti e gonfiori, può dare sollievo ai propri occhi applicando, con delle garze sterili, degli impacchi di infuso di eufrasia, proprio nella zona oculare.

Per la preparazione dell’infuso si può acquistare l’eufrasia, sotto forma di erba secca, in erboristeria.

Si dosa un cucchiaio raso di eufrasia per una tazza d’acqua bollente, si lascia in infusione l’erba secca per 15 minuti e quindi si filtra. A questo punto l’infuso è pronto per essere applicato sugli occhi.

Chi ha gli occhi sensibili non si spaventi pensando di dover sempre ricorrere all’infuso lenitivo, perché, in farmacia e in erboristeria, si possono acquistare dei colliri monodose a base di eufrasia, che si rivelano essere un pratico pronto intervento da non dimenticare soprattutto quando si è fuori casa, in viaggio o in vacanza.

Fonti:

https://www.humanitas.it/sintomi/occhi-arrossati/

https://guna.com/it/guna-lifestyle/perche-ho-sempre-gli-occhi-rossi/

https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/rimedi-naturali/erboristeria/eufrasia.htm

Laureata in Lettere, freelance
Laureata in Lettere, freelance.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni