fbpx
Prenditi cura di te

Come controllare la glicemia coi legumi

Come controllare la glicemia coi legumi

Come controllare la glicemia? Anche coi legumi. Ceci, lenticchie, piselli e fagioli hanno effetti benefici sulla glicemia, ad affermarlo sono recenti ricerche che vedono coinvolti anche ricercatori italiani.

Ceci, lenticchie, piselli, fagioli: non solo forniscono energie e proteine al nostro organismo ma hanno anche benefici effetti sulla glicemia. Lo confermano alcuni studi, uno dei quali, pubblicato recentemente su Europen Journal of Clinical Nutrition, condotto su pazienti diabetici mette in luce quanto una dieta equilibrata dove si riduce il consumo di carne rossa a favore dei legumi, abbia un’influenza significativa nel migliorare il metabolismo, rispetto a chi continua ad assumere proteine non vegetali.
Questi alimenti esercitano un’azione positiva generale, una sorta di regolatori del nostro organismo, che aiutano ad assorbire i carboidrati lentamente e progressivamente evitando così che gli zuccheri affluiscano nel sangue troppo rapidamente causando improvvisi rialzi di glicemia subito dopo i pasti. Questo particolare effetto di contenimento è molto importante, infatti un innalzamento ripetuto dell’indice glicemico è spesso responsabile dello sviluppo di complicanze, soprattutto di quelle vascolari e circolatorie.  Ma i benefici dei legumi non finiscono qui. Un’ulteriore ricerca dell’IRCCS Istituto Auxologico Italiano e pubblicata su Obesity Facts ha osservato quanto la salute cardio-metabolica di un gruppo di 448 adolescenti obesi subisca notevoli miglioramenti con l’aumentare del consumo di proteine vegetali e cereali integrali. Se consumare fibre aiuta a controllare la glicemia, alcuni aminoacidi presenti nelle proteine vegetali sembrano avere un ruolo protettivo sul sistema cardiovascolare, in particolare sulla pressione sanguigna grazie a un effetto vasodilatatore.
Via libera quindi alle ricette più sfiziose, dall’insalata di mais, alla passata di ceci, fino alla classica zuppa di fagioli. L’importante è non pensare al piatto di legumi da soli: sono alimenti estremamente versatili spesso presenti nella tradizione della cucina italiana attraverso abbinamenti semplici e gustosi, basta avere un po’ di fantasia per raggiungere l’obiettivo delle tre porzioni alla settimana senza annoiare.

Dott.ssa Martina Laccisaglia
Centro Studi Comunicazione sul Farmaco, Salute e Società – Università Statale di Milano

Fonti:

SN Balk, DAJM Schoenaker, GD Mishra, M Toeller, N Chaturvedi, JH Fuller, SS Soedamah-Muthu and the EURODIAB Prospective Complications Study Group, “Association of diet and lifestyle with glycated haemoglobin in type 1 diabetes participants in the EURODIAB prospective complications study”, European Journal of Clinical Nutrition , 2015

Gilardini L., Croci M.,  Pasqualinotto L.,  Caffetto K.,  Invitti C., “Dietary Habits and Cardiometabolic
Health in Obese Children”, Obesity Facts, 2015

0 Condivisioni