Ecco come gli antichi rimedi farmaceutici di Santa Ildegarda tornano a vivere

Ecco come gli antichi rimedi farmaceutici di Santa Ildegarda tornano a vivere

©Copyright - Maura Biava

Una donna imprenditrice controcorrente abbandona gli sfarzi farmaceutici, per dar vita ad un nuovo approccio nella medicina integrata.

Mentre le multinazionali farmaceutiche investono miliardi di dollari in ricerche sempre più tecnologicamente avanzate e mettono in commercio farmaci sempre più costosi, in una piccola bottega sul lago Maggiore la dott.ssa Sabrina Melino, Laureata in Chimica Farmaceutica e specializzatasi con un Master MBA in Bocconi, decide di abbandonare il “transatlantico” farmaceutico per percorrere una vecchia strada ormai inesplorata e quasi perduta.

Sabrina Melino, oggi titolare dell’Azienda Thesaura Naturae ha riscoperto nei testi della badessa benedettina dell’anno mille, Ildegarda di Bingen, conoscenze mediche-farmaceutiche che, rilette alla luce della scienza moderna, hanno ancora molto da insegnare e da dare ai pazienti.

È così che nasce un’impresa.

Il coraggio della dott.ssa Melino ha aperto oggi ad un progressivo risveglio d’interesse del mondo accademico verso questa Santa (nominata ufficialmente Santa da Benedetto XVI) ed è proprio grazie a lei se oggi laboratori di ricerca universitari hanno iniziato a studiare queste antiche ricette sotto una prospettiva moderna.

Il prof. Mariano Bizzari, direttore del Systems Biology Lab presso il dipartimento di Medicina Sperimentale all’Università Sapienza di Roma (https://sbglab.org/), ha recentemente pubblicato un articolo accademico su Santa Ildegarda ricordando come uno degli ultimi premi Nobel, quello assegnato alla cinese Yu Yu, è stato vinto proprio riscoprendo da antichi testi alchemici utilizzi e metodi di estrazione dell’artemisia.

La figura di Santa Ildegarda è unica nel suo genere, alcuni la paragonano a Leonardo Da Vinci, visionaria, mistica, teologa, profetessa. Ma anche poetessa, musicista, medico e farmacista dalle intuizioni geniali.

Per Ildegarda era importante curare anima e corpo e in base alle caratteristiche dei pazienti che si trovava davanti selezionava piante e alimenti a seconda dell’equilibrio da ristabilire, una specie di medicina personalizzata ante litteram.

È proprio ispirandosi ai concetti e alle ricette di Ildegarda che la dott.ssa Melino ha messo a punto dei prodotti che sono rimasti fedeli alle ricette originali ed ha iniziato un percorso di ricerca volto a verificarne l’efficacia ed il razionale d’utilizzo.

Ora che il suo progetto ha preso forma e sostanza sempre più ricercatori si associano alla sua “impresa” ed il prossimo 13 e 14 ottobre a Stresa parteciperanno ad un convegno unico nel suo genere, il convegno Nazionale di Medicina Ildegardiana focalizzato ad approfondire gli approcci integrati per la cura delle malattie croniche. 

Per chi fosse interessato su questo link possono trovare tutte le informazioni

https://www.thesauranaturae.com/wp-content/uploads/2018/05/Programma-completo-pdf-in-bassa-risoluzione-II-Convegno-Nazionale-di-Medicina-Ildegardiana_def2.pdf

Bizzarri – Lessons from the past. Hildegard of Bingen – Organisms Journal

https://ojs.uniroma1.it/index.php/Organisms/article/view/14350

Info convegno:

13 – 14 ottobre 2018

Stresa, centro congressi Hotel La Palma – Lungolago Umberto I, 33

Relatori: Prof. Mariano Bizzarri, Prof. Marta Bertolaso, Dott. Roberto Germano, Dott.ssa Paola Barbero, Dott.ssa Sabrina Melino, Dom Pierfrancesco De Feo, Dott. Christiane Ernst-Paregger, Dott. Wighard Strehlow.

Credit photo: ©Copyright – Maura Biava

 

The following two tabs change content below.

Redazione Sanifutura

Redazione