Come prevenire i danni alla vista

0
893 views
Come prevenire i danni alla vista

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità in Italia vivono almeno 362 mila persone non vedenti e gli ipovedenti superano il milione. Queste condizioni sono spesso causa di malattie note e con le dovute attenzioni possono essere prevenute. Ecco qualche preziosa informazione per conoscere e prevenire i rischi di danni alla vista.

 

La Giornata mondiale della vista ricorre ogni anno nel secondo giovedì di ottobre ed è promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus.

L’obiettivo di quest’anno è quello di far conoscere le quattro principali malattie responsabili di gravi danni alla vista che possono portare a cecità, soprattutto dopo i 50 anni: cataratta, glaucoma, retinopatia diabetica e degenerazione maculare. Lo slogan promotore è “Vista, luce dei miei occhi”. Spesso le malattie oculari non danno alcun sintomo soprattutto nelle fasi iniziali e il controllo periodico presso un medico oculista rappresenta un’importante forma di prevenzione per preservare la propria vista.

CATARATTA

Cos’è? La cataratta è una progressiva opacizzazione del cristallino. Rappresenta la prima causa di grave riduzione della vista in particolare negli anziani. Tale patologia è caratterizzata da vista annebbiata, sensazione di abbagliamento, difficoltà nel guidare con scarsa illuminazione, visione doppia e ingiallimento delle immagini, sintomi che peggiorano con l’aumento dell’età. Circa il 40% dei soggetti tra i 55 e i 64 anni sviluppa questa malattia, percentuale che raggiunge il 90% in persone di età superiore ai 75 anni. L’unico trattamento efficace è l’intervento chirurgico che consiste nel sostituire il cristallino opacizzato con uno artificiale. In Italia circa 100.000 pazienti ogni anno vengono operati di cataratta.

Fattori di rischio. Esposizione ai raggi UV, diabete, fumo, obesità, traumi e/o malattie infiammatorie oculari.

Prevenzione. Spesso la cataratta non dà sintomi se l’opacizzazione del cristallino è modesta o lontana dall’asse visivo. Essa è una conseguenza del naturale processo di invecchiamento ma l’eliminazione dei fattori di rischio aiuta a prevenire o comunque a ritardare la sua insorgenza, così come la visita oculistica.

GLAUCOMA

Cos’è? Il glaucoma porta a un lento e progressivo danno al nervo ottico con conseguente perdita del campo visivo e della visione periferica. Secondo l’OMS ne sono affetti 55 milioni di individui nel Mondo, rappresentando la seconda causa di cecità.

La causa principale è l’aumento della pressione interna dell’occhio che porta a ipertensione oculare.

Fattori di rischio. Ipertensione oculare, diabete, miopia elevata, familiarità, età superiore ai 40 anni.

Prevenzione. Il glaucoma non presenta sintomi specifici e la prevenzione è rappresentata dal controllo oculistico continuo che consente di diagnosticare tempestivamente la malattia prima che si manifestino danni irreversibili.

RETINOPATIA DIABETICA

Cos’è? La retinopatia diabetica è una complicanza frequente del diabete causata dall’alterazione della normale circolazione della retina caratterizzata da emorragie e distacco della retina. A volte si può sviluppare anche edema. Tale situazione nel suo complesso può portare a completa cecità.

Fattori di rischio. Diabete, ipertensione, gravidanza, fumo, stress, diete ipercaloriche, fattori genetici.

La comparsa della retinopatia diabetica è legata alla durata del diabete e al suo controllo e alla presenza di altri fattori di rischio. La prevenzione è rappresentata dalla visita oculistica periodica e dall’attento controllo dei fattori di rischio.

DEGENERAZIONE MACULARE

Cos’è? La degenerazione maculare è una delle patologie più gravi dell’occhio e si stima che il 5-10% della popolazione oltre i 75 anni ne sia colpita. Essa è caratterizzata da riduzione della qualità della vista per alterazione della parte centrale della retina (macula) responsabile della visione distinta.

Fattori di rischio. Età superiore ai 55 anni, fumo, familiarità, ipertensione, problemi cardiovascolari, colesterolemia e iperlipidemia.

La prevenzione è rappresentata dal controllo oculare periodico. L’eliminazione dei fattori di rischio aiuta a prevenire o comunque a ritardarne l’insorgenza.

In più di 70 città italiane saranno presenti gazebo con materiale informativo e ogni Regione organizzerà differenti attività.

Consulta la mappa per trovare le iniziative attiate nella tua Regione.

http://www.iapb.it/gmv2015/iniziative.php

Fonti:

 iapb.it

 

Dott.ssa Martina Laccisaglia
Centro Studi Comunicazione sul Farmaco, Salute e Società – Università Statale di Milano

The following two tabs change content below.
0 Condivisioni