Cos’è la depressione sorridente e perché può essere pericolosa

0
2.269 views
Il mal di testa ci parla di noi

Se cerchi l’hashtag #faceofdepression sui social media, vedrai centinaia di immagini che mostrano persone felici e sorridenti ma, in realtà, soffrono di depressione. 

A volte queste foto vengono pubblicate dalle persone stesse, ma più spesso sono condivise dai loro parenti e amici che vogliono aiutare i loro cari e vogliono raccontare al mondo questo problema. 

Che cos’è la depressione sorridente?

Avere una depressione sorridente significa che stai cercando di apparire felice e allegro agli altri mentre in realtà stai soffrendo profondamente

Le persone che ce l’hanno non sembrano essere tristi, ecco perché i loro amici e familiari non sospettano che qualcosa non vada. Inoltre, a volte, chi ne soffre non è consapevole di avere problemi, quindi non cerca alcun supporto o aiuto. 

Le persone con una depressione sorridente spesso vivono una vita sociale attiva, hanno famiglie, amici e lavoro, sembrano avere successo ed essere felici.

Queste persone possono sembrare energiche ed entusiaste in superficie, ma a porte chiuse possono sentirsi inutili e disperate. Dopo che il cantante dei Linkin Park, Chester Bennington, si è tolto la vita, sua moglie Talinda ha condiviso una sua foto solo pochi giorni prima del suo suicidio. Chester sorrideva e si divertiva con la famiglia, e nessuno sapeva quali pensieri gli passassero per la testa in quel momento.

Anche se la depressione sorridente si nasconde dietro una maschera di felicità, ci sono modi in cui puoi riconoscerla in qualcuno che ami o in te stesso. 

Quali sono i segnali più frequenti di depressione sorridente

  • Diminuzione dell’interesse per gli hobby e le attività che una persona amava
  • Cambiamenti di peso e appetito
  • Stanchezza e perdita di concentrazione
  • Insonnia
  • Pensare a situazioni negative più e più volte
  • Felicità forzata e innaturale

Ecco come puoi aiutare qualcuno che soffre di depressione sorridente

Presta più attenzione alle persone che ami

Chiama i tuoi amici e la tua famiglia ogni volta che pensi a loro, chiedi come stanno e non ti accontentare di un rapido “Sto bene”. 

Aiutali a capire che hanno un problema 

Molte persone non vogliono ammettere di essere depresse, perché hanno paura di sembrare deboli. Fagli sapere che li ami e li sostieni e sii un buon ascoltatore. Non limitarti a dire che andrà tutto bene. Cerca di pensare insieme a quali passi fare per far fronte alla situazione e offri il tuo aiuto se ritieni di poter fare qualcosa.

Aiutali a rafforzare la loro autostima

Alcuni esperti suggeriscono che la nostra autostima è il nostro “sistema immunitario emotivo” e quando si rompe, iniziamo a sentirci depressi. Cerca di aiutare il tuo amico o parente a trovare un’attività o un progetto significativo che potrebbe aiutarlo a sentirsi di nuovo produttivo e di successo.

Aiutali ad agire “normalmente” 

Cerca di incoraggiare la persona che soffre di depressione sorridente a fare tutte le cose che farebbe una persona “sana”. Suggerisci di farne alcune insieme come fare shopping, andare al cinema o correre nel parco. Le nostre azioni influenzano i nostri sentimenti e le nostre emozioni e agire come una persona più felice può aiutare il tuo amico a sentirsi meglio.

Suggeriscigli di seguire una dieta più sana e di iniziare a fare esercizio

Le persone depresse possono avere difficoltà ad andare in palestra ma fare esercizi a casa può essere una buona alternativa. 

Gli esperti ritengono che alcuni tipi di depressione possano essere causati dalla mancanza di alcuni elementi nel nostro corpo (come la serotonina o la vitamina D, per esempio) e questa carenza può spesso essere risolta con l’aiuto di una dieta sana.

Suggerisci di provare la terapia e di sottoporsi a cure mediche

Potrebbe essere estremamente difficile interrompere il ciclo della depressione da solo. Un terapista può essere in grado di aiutare il tuo amico o parente a combattere la depressione in modo più rapido ed efficace. 

Fai capire alla persona amata che non c’è niente di sbagliato nel cercare un trattamento professionale: non è imbarazzante e non li rende deboli.

Fonti

https://www.nami.org/Blogs/NAMI-Blog/September-2016/What-You-Need-to-Know-About-Smiling-Depression%E2%80%9D

https://www.today.com/health/do-you-have-smiling-depression-7-ways-ease-symptoms-t107489

The following two tabs change content below.
Avatar

Redazione Sanifutura

Redazione
0 Condivisioni