Mangiare meno ti può allungare la vita

0
1.090 views
Mangiare meno ti può allungare la vita

 

Cosa dobbiamo fare per allungare e migliorare la qualità della nostra vita? Per la dottoressa Julie Mattison e i suoi colleghi del National Institute on Ageing (NIA), la risposta sta semplicemente nel cambiare la dieta.

Questi medici credono infatti che la chiave di una vecchiaia migliore sia ridurre la quantità di cibo nei nostri piatti, attraverso un approccio chiamato “restrizione calorica” (CR). Si tratta di ridurre gradualmente e attentamente le dimensioni delle porzioni in modo permanente. Dai primi anni ’30, una riduzione del 30% della quantità di cibo consumata al giorno è stata legata ad una vita più lunga e più attiva nei vermi, nelle mosche, nei ratti, nei topi e nelle scimmie. In tutto il regno animale, in altre parole, la restrizione calorica ha dimostrato il miglior rimedio per i danni della vecchiaia.

È possibile che gli esseri umani ne traggano ugualmente guadagno?

La risposta è SI!

L’alimentazione influenza la salute: l’idea ha origini antiche

L’idea che ciò che una persona mangia influenzi la salute ha antiche origini. Già Ippocrate, nel V sec. A.C.,  osservò che molti greci obesi tendevano a morire più giovani rispetto ai magri.

Alla fine del XV secolo, lo scrittore Alvise Cornaro, all’età di 40 anni, ha cominciato ad assumere circa 1000 calorie al giorno. Ha mangiato pane, brodo, uova, carne e pesce limitando la quantità ma non la varietà. Cornaro ha affermato di aver raggiunto la “salute perfetta” fino alla morte avvenuta più di 40 anni dopo.

Gli studi passati

Uno studio del 1935 sui ratti, ha dimostrato come una restrizione dietetica tra il 30 e il 50% abbia prolungato la durata della vita, ritardando la morte causata da disturbi e malattie legate all’età. Ecco perché, alla fine degli anni ’80, due studi indipendenti a lungo termine – uno presso la NIA e l’altro presso l’Università del Wisconsin – sono stati istituiti per studiare la restrizione calorica e l’invecchiamento nelle scimmie Rhesus perché non  solo condividiamo il 93% del nostro DNA con questi primati ma anch’essi invecchiamo allo stesso modo.

I risultati

Nel 2009, i risultati dell’Università del Wisconsin sono stati spettacolari:  le loro scimmie  sembravano notevolmente più giovani (anche con più peli), rispetto alle scimmie che venivano nutrite con una dieta standard, ed erano anche più sane, senza alcuna  patologia. I tumori, come l’adenocarcinoma intestinale, sono stati ridotti di oltre il 50% e anche il rischio di malattie cardiache è stato dimezzato. Nel complesso, in 20 anni, solo il 13% delle scimmie del gruppo sottoposto a restrizione calorica  è morto di cause legate all’età mentre nell’altro gruppo è deceduto oltre il 37%, quasi tre volte più. In uno studio di aggiornamento dell’Università del Wisconsin nel 2014, questa percentuale è rimasta stabile.

Le considerazioni

Abbiamo dimostrato che l’invecchiamento può essere manipolato nei primati. Significa che l’invecchiamento stesso è un obiettivo ragionevole per l’intervento clinico e il trattamento medico“.

Se l’invecchiamento può essere ritardato, in altre parole, anche tutte le malattie associate lo seguiranno. Mangiare meno certamente sembrava aiutare le scimmie, ma la restrizione calorica è molto più difficile per le persone nel mondo reale. C’è una componente genetica che incide molto: ”posso mangiare quello che voglio che tanto non prendo un etto” o, viceversa…”mi basta solo guardare una torta e già sono ingrassata di 3 kg”.

Idealmente, la quantità e il tipo di cibo che mangiamo dovrebbero quindi essere adattate a chi siamo analizzando la nostra predisposizione genetica per perdere peso, come metabolizziamo gli zuccheri, come conserviamo i grassi e altri flussi fisiologici.

Ma una predisposizione all’obesità può essere utilizzata come guida per le scelte della vita anziché una inevitabilità. “Personalmente ho una storia genetica di obesità che attraversa la mia famiglia e pratico una forma flessibile di restrizione calorica”, dice Susan Roberts, uno scienziato dietetico all’università Tufts di Boston.

Non solo la Roberts ha vissuto i problemi dell’obesità in prima persona nella sua famiglia ma conosce i benefici del CR meglio di tutti. Da oltre 10 anni è stato uno scienziato leader nella valutazione completa degli effetti a lungo termine della riduzione dell’assunzione di calorie, noto anche come Calerie.

Lo studio

218 tra uomini e donne di età compresa tra i 21 ei 50 anni sono stati suddivisi in due gruppi: nel primo si poteva mangiare liberamente secondo le proprie abitudini mentre il secondo mangiava il 25% in meno . Entrambi avevano controlli sanitari ogni sei mesi.

I risultati

A differenza dei trial delle scimmie Rhesus, i test su due anni non possono determinare se il CR riduca o ritardi le malattie legate all’età. Ma i risultati dopo solo due anni sono stati molto positivi. Nel sangue delle persone con limitazioni di calorie, il rapporto tra colesterolo “buono” e colesterolo “cattivo” era aumentato, le molecole associate alla formazione di tumori – detti tumori necrosi (TNF) – sono stati ridotti di circa il 25% e i livelli di insulino-resistenza  (un segno sicuro del diabete), è sceso di quasi il 40% rispetto alle persone che hanno seguito la loro dieta abituale. Nel complesso, la pressione del sangue era più bassa.

La ricerca ora si concentra su alcune domande cruciali:

Con meno cibo, il metabolismo è costretto ad essere più efficiente?

C’è un interruttore molecolare comune che regola l’invecchiamento che viene acceso (o spento) con meno calorie?  

C’è un meccanismo ancora sconosciuto che influenza le nostre vite e le nostre morti?

Nel futuro

Le risposte a tali domande potrebbero arrivare tra molto tempo perché “la biologia è straordinariamente complicata.” Anche se manca una spiegazione accurata, la restrizione calorica è una delle vie più promettenti per migliorare la salute e allungare la durata della nostra vita.Non c’era niente in quello che abbiamo visto che ci ha fatto pensare che la restrizione calorica non funzioni anche per le persone“, dice Roberts, e, a differenza dei trattamenti basati sul farmaco, non ha una lunga lista di possibili effetti collaterali. “Le persone sottoposte a CR  non erano affamate, il loro umore era ottimo, la loro funzione sessuale era buona“, dice Roberts.

Un aspetto negativo

Un aspetto negativo ma che era previsto, è stato una lieve diminuzione della densità ossea che spesso è legata alla perdita graduale di peso, dice Roberts. Ma come precauzione, ai volontari, sono stati forniti integratori di calcio.

Con tali promettenti risultati, “il processo di Calerie è una prospettiva davvero eccitante. Penso che ritardare la progressione delle malattie croniche sia qualcosa che tutti possano ottenere con semplici accorgimenti“.

 

Fonte:

http://www.bbc.com/future/story/20170601-the-secret-to-a-long-and-healthy-life-eat-less

 

The following two tabs change content below.
0 Condivisioni