Primavera: attenzione agli occhi

Primavera: attenzione agli occhi

Poiché il freddo invernale viene sostituito da temperature più calde, giorni più lunghi e un’esplosione della natura, fino a 400 milioni di persone in tutto il mondo sviluppano reazioni allergiche al polline trasportato dall’aria da alberi, erba ed erbe infestanti.

I sintomi andranno da prurito agli occhi, congestione e starnuti, all’aggravamento dell’asma.

Fin dagli anni ’50, i paesi di tutto il mondo hanno registrato i conteggi di pollini per creare previsioni per chi soffre di allergie. Nel Regno Unito questa previsione è fornita dal Met Office in collaborazione con l’Università di Worcester. Ad oggi, le previsioni del polline si basano sul conteggio del numero totale di grani di polline nell’aria provenienti da alberi, erbe infestanti ed erba. Il polline viene raccolto utilizzando macchine per il campionamento dell’aria che catturano le particelle su un tamburo appiccicoso che ruota lentamente.

Tuttavia, mentre queste previsioni si concentrano sul livello di tutti i pollini presenti nell’aria, le persone soffrono di reazioni allergiche a diversi tipi di polline.

Polline dell’erba

Il polline dell’erba  è l’ aeroallergene più dannoso: più persone sono allergiche al polline dell’erba di qualsiasi altro allergene presente nell’aria e le allergie a questo polline variano attraverso la stagione della fioritura dell’erba.

Individuazione del polline

Nel tentativo di migliorare l’accuratezza dei conteggi e delle previsioni dei pollini, un team ha lavorato a un nuovo progetto per distinguere tra diversi tipi di polline d’erba nel Regno Unito. L’obiettivo è scoprire quali specie di polline sono presenti durante la stagione della fioritura dell’erba.

I microscopi sono utilizzati per identificare il polline di molti alberi allergenici ed erbe infestanti, ma sfortunatamente questo non può essere fatto per il polline dell’erba, poiché tutti i grani di polline di erba sembrano molto simili sotto un microscopio. Ciò significa che è quasi impossibile distinguere abitualmente le specie di erba da cui provengono usando l’osservazione visiva.

Così, negli ultimi anni, il team di ricerca, PollerGEN, ha indagato se una nuova ondata di approcci, inclusa la genetica molecolare, possa essere utilizzata per identificare invece diversi pollini erbacei nell’aria. Un metodo che il team ha impiegato per identificare il polline si basa sull’utilizzo del sequenziamento del DNA per esaminare milioni di brevi sezioni di DNA (chiamate anche marcatori di codici a barre).

Questo approccio è chiamato “metabarcoding” e può essere utilizzato per analizzare il DNA derivato da comunità miste di organismi, così come il DNA da molti diversi tipi di fonti ambientali (per esempio, suolo, fonti acquatiche, miele e aria). Significa che possiamo valutare la biodiversità da centinaia a migliaia di campioni. In particolare,  ha permesso di analizzare il DNA di polline raccolto da campionatori aerei in 14 luoghi in tutta la Gran Bretagna.

Stagione di fioritura

Confrontando il polline catturato con campioni nella libreria del codice a barre del DNA nel Regno Unito (un database di riferimento consolidato del DNA di specie di erba correttamente identificate) sono stati in grado di identificare diversi tipi di polline di erba con miscele complesse. Hanno scoperto che la composizione del polline nell’aria ha una progressione stagionale della diversità.

Combinando altri dati storici e contemporanei, hanno anche scoperto che mentre la stagione della fioritura dell’erba progredisce, il polline nell’aria ha un effetto ritardato. Ciò significa che diversi tipi di polline dell’erba non sono presenti in ogni periodo della stagione di fioritura.

Effetti collaterali

  • naso che cola e congestione nasale,
  • prurito agli occhi e/o occhi che lacrimano,
  • starnuti,
  • tosse,
  • prurito al naso, sul palato o in gola,
  • pressione al petto e dolore facciale,
  • gonfiore agli occhi e occhiaie bluastre (occhiaie allergiche),
  • stanchezza e debolezza,
  • diminuzione del senso del gusto o dell’odorato.

Un suggerimento per gli occhi

Esistono sul mercato diversi colliri contenenti acque distillate di origine vegetale che possono aiutare, in particolare per:

occhi irritati e  arrossati: Calendula, camomilla e finocchi

Occhi stanchi e affaticati: amamelide, camomilla ed eufrasiaOcchi secchi: camomilla, ipromellosa, mirtillo nero, aloe vera e rosa canina

The following two tabs change content below.