Ricrescita capelli ed effetti collaterali delle medicine, quale legame

Ricrescita capelli ed effetti collaterali delle medicine, quale legame

Un nuovo farmaco per l’eczema ha avuto un impatto inaspettato e significativo sulla ricrescita dei capelli in un adolescente con alopecia di lunga data.

Scoperte casuali

Per quanto ne sappiamo, questo è il primo rapporto sulla ricrescita dei capelli con dupilumab in un paziente con qualsiasi grado di alopecia areata”.

Dal Valium al Viagra, sono diversi i farmaci sul mercato scoperti per pura casualità. Inizialmente concepiti come trattamento per un disturbo, il loro ambito di applicazione si è improvvisamente ampliato.

Questo caso può rientrare in questa categoria. Il Dupilumab, infatti, è stato recentemente approvato dalla FDA per il trattamento dell’eczema da moderato a grave, noto anche come dermatite atopica.

Dermatite atopica

La dermatite atopica è anch’essa una malattia autoimmune, ma invece del sistema immunitario, che attacca i propri follicoli piliferi sani, provoca una reazione allergica sulla pelle, causando eruzioni cutanee rosse e pruriginose.

Precedenti studi hanno dimostrato che queste due patologie autoimmuni sono correlate e che le persone che soffrono di eczema hanno maggiori probabilità di sviluppare l’alopecia.
Ma anche se questi sono disordini comorbili, un farmaco usato per uno non può aiutare l’altro.

Il caso studio

Siamo rimasti piuttosto sorpresi dal fatto che questa paziente non avesse sviluppato i capelli del cuoio capelluto dall’età di due anni […] e che altri trattamenti, che possono aiutare contro la perdita dei capelli, non avessero fatto al caso suo“, ha detto Maryanna Makredes Senna, medico del Massachusetts General Hospital (MGH).

“L’alopecia è una condizione per cui si ha una completa perdita di capelli”.

Sin da quando aveva sette mesi, la paziente ha subito un trattamento massiccio per il suo sistema immunitario iperattivo che ha dato origine sia all’eczema che all’alopecia. Nonostante anni di tentativi, nulla ha avuto l’effetto desiderato.

Mentre un paio di farmaci in passato erano riusciti ad alleviare in qualche modo l’eczema non avevano avuto alcun effetto sulla sua alopecia.

Dove molti altri farmaci hanno fallito, sembra che Dupilumb abbia avuto successo.

Il trattamento

Entro sei settimane dalle prime iniezioni settimanali di Dupilumb, i sintomi dell’eczema sono migliorati e la ragazza ha iniziato a notare una manciata di peli sottili sul suo cuoio capelluto, come si vede nell’immagine qui sotto.

Credit photo: JAMA Network

 

Credit photo: JAMA Network

Dopo sette mesi, quei capelli fini e biondi, detti peli vellus, erano accompagnati da un’ondata di peli pigmentati.

Il Dupilumab sembra essere la causa di questa crescita inaspettata. Infatti, quando un cambio di assicurazione costrinse la paziente a prendere una breve pausa dal farmaco, cominciò a perdere i capelli appena cresciuti.

Dopo aver ripreso il trattamento, i suoi capelli ripresero a crescere nuovamente.

Sviluppi futuri

Anche se il caso è certamente eccitante, è necessario eseguire molti più test prima che possa essere pubblicizzato come un nuovo trattamento per l’alopecia.Al momento, è difficile sapere se il dupilumab possa indurre la crescita dei capelli in altri pazienti con alopecia, ma sospetto che possa essere d’aiuto nei pazienti con eczema attivo esteso e alopecia areata attiva“, afferma Senna.

Abbiamo presentato una proposta per una sperimentazione clinica con dupilumab in questa popolazione di pazienti e speriamo di poterla approfondire ulteriormente nel prossimo futuro”.

I medici sul caso non sono ancora sicuri del perché ci sia stato questo miglioramento. Il loro impegno è quello di rendere l’effetto replicabile anche su altre persone, per poter fornire loro un trattamento per questa malattia autoimmune senza cura conosciuta.

Fonti:
https://jamanetwork.com/journals/jamadermatology/article-abstract/2705770
https://medicalxpress.com/news/2018-10-eczema-drug-hair-growth-patient.html
The following two tabs change content below.
Avatar

Redazione Sanifutura

Redazione