Una nuova conferma sul legame rete 2G e 3G con il cancro

0
700 views
Il cellulare può causare un tipo letale di tumore al cervello? Il dibattito è ancora aperto.

Un nuovo studio ha concluso che le radiazioni a radiofrequenza provenienti dalle reti telefoniche cellulari (mobili) possono causare il cancro. Esistono “prove chiare” che l’esposizione alle radiazioni delle reti 2G e 3G in particolare sia cancerogena.

I ricercatori del National Toxicology Program degli Stati Uniti non hanno ancora testato i rischi di cancro delle nuove tecnologie, come 4G e 5G o wi-fi, e quindi non possono confermare che ci siano rischi simili anche per queste nuove tecnologie.

 

Lo studio

I ricercatori hanno esposto i topi da laboratorio a livelli di radiofrequenze che erano fino a quattro volte superiori ai livelli di sicurezza consentiti e superiori a quelli che avrebbero sperimentato gli esseri umani. Gli animali sono stati esposti per 10 minuti per nove ore al giorno per due anni; durante quel tempo, i ratti hanno sviluppato tumori cancerogeni nei loro cuori, nella ghiandola surrenale e nel cervello.

I ricercatori affermano che gli animali hanno sviluppato diversi tipi di cancro perché il loro intero corpo è stato esposto alle radiazioni, ma negli esseri umani questo si verifica molto probabilmente nel cervello perchè un telefono cellulare viene posizionato vicino all’orecchio.

Le esposizioni utilizzate negli studi non possono essere confrontate direttamente con l’esposizione che gli esseri umani sperimentano quando usano un telefono cellulare“, ha detto John Bucher, Ph.D., scienziato senior NTP. “Nei nostri studi, ratti e topi hanno ricevuto radiazioni in radiofrequenza su tutto il corpo. Al contrario, le persone sono per lo più esposte in specifici tessuti locali vicino a dove tengono il telefono. Inoltre, i livelli di esposizione e le durate dei nostri studi erano maggiori di quelli che le persone sperimentano abitualmente “.

Il livello di esposizione più basso utilizzato negli studi era pari alla massima esposizione tissutale locale attualmente consentita per gli utenti di telefoni cellulari. Questo livello di potenza si verifica raramente con l’uso abituale del telefono cellulare. Il più alto livello di esposizione negli studi era quattro volte superiore al livello massimo consentito.

Riteniamo che il legame tra radiazioni a radiofrequenza e tumori nei ratti maschi sia reale“, ha affermato Bucher.

Questo studio ha richiesto più di 10 anni per essere completato con un investimento di $ 30 milioni e costituisce la valutazione più completa, ad oggi, degli effetti sulla salute negli animali esposti a RFR con le modulazioni utilizzate nei telefoni cellulari 2G e 3G.

 

In futuro

Gli studi futuri si concentreranno sullo sviluppo di indicatori fisici misurabili, o biomarcatori, di potenziali effetti da RFR. Questi possono includere cambiamenti nelle metriche come il danno al DNA nei tessuti esposti, che possono essere rilevati molto prima del cancro.

 

Fonti:
https://www.niehs.nih.gov/news/newsroom/releases/2018/november1/index.cfm
The following two tabs change content below.
4 Condivisioni