Passi troppo tempo a cercare i sintomi online? Potresti essere un cybercondriaco

Passi troppo tempo a cercare i sintomi online? Potresti essere un cybercondriaco

Se qualcuno avverte dolore o disagio in qualsiasi parte del corpo, di solito controlla i sintomi online per farsi un’idea di quale potrebbe essere la causa. A volte questo aiuta a chiarire rapidamente i  dubbi e la maggior parte delle persone sa che anche se ciò che leggono online è pubblicato da specialisti, non dovrebbe essere considerato come una diagnosi medica personalizzata

Nel caso dei “cybercondriaci“, tuttavia, le persone credono che questa ricerca sia sufficiente e quindi iniziano a cercare su Google ogni possibile “sintomo” per fare una auto-diagnosi … Dr Google docet!

Un vero e proprio disturbo originato dall’uso improprio di Internet a fini medici

Oggi i medici hanno a che fare con pazienti che dichiarano di avere un tumore al cervello solo perché hanno mal di testa. La causa di questo fenomeno è l’autodiagnosi che fanno dopo aver ricercato sintomi e disturbi online. I cybercondriaci sono persone che fanno un’autodiagnosi di malattie, in molti casi, condizioni gravi, dopo aver condotto una ricerca online che segue solo i loro criteri. Ciò aumenta la loro ansia e rende più complicato il lavoro degli operatori sanitari.

Le conseguenze negative delle ricerche compulsive

I cybercondri, come qualsiasi altro disturbo psicologico, ha conseguenze che colpiscono coloro che ne soffrono. Alcuni degli effetti della conduzione di ricerche ossessive sulle malattie includono:

  • Un aumento dei livelli di ansia: dopo aver analizzato regolarmente le malattie, i cybercondriaci si sovraccaricano di informazioni e iniziano a preoccuparsi più di quanto dovrebbero per le condizioni che probabilmente non si svilupperanno mai
  • L’automedicazione e l’interruzione di trattamenti medici: alcuni cybercondriaci iniziano i trattamenti che trovano su Internet senza nemmeno consultare un medico. Altri sono così convinti della propria autodiagnosi, che abbandonano i farmaci prescritti dai loro medici. I rischi per la loro salute fisica possono essere pericolosi.
  • Sviluppo di ipocondria: a causa dell’elevata esposizione ai contenuti online sulle malattie e dell’intensa paura di soffrire di una o più di esse, una persona con cibercondria può facilmente sviluppare ipocondria (è la preoccupazione legata alla paura di avere, oppure alla convinzione di avere, una grave malattia. Questa è solitamente basata sulla errata interpretazione di uno o più segni o sintomi fisici).
  • Nosofobia (paura irrazionale di contrarre una malattia): è una fobia diffusa tra gli studenti di medicina che sono continuamente esposti alle informazioni sulle condizioni mediche e anche i cybercondriaci possono sperimentarla. La nosofobia può intensificare il loro panico e la loro ansia di ammalarsi improvvisamente.

Come affrontare i cybercondriaci

Come per l’ipocondria o qualsiasi altro disturbo mentale, il trattamento del paziente è psicologico. Parenti e amici dovrebbero aiutare un paziente a capire che il suo corpo è effettivamente sano. Avere sostegno familiare e partecipare a sessioni di psicoterapia sono metodi molto efficaci per aiutare qualcuno ad affrontare i cybercondriaci. Anche la psicofarmacologia può funzionare poiché facilita il viaggio del paziente verso il recupero nei casi più complessi (sempre su suggerimento del medico).Ricorda che non dovresti mai fare alcuna diagnosi basata esclusivamente su ciò che leggi su Internet. Nessun sito web può sostituire un parere medico. Se qualcosa ti preoccupa, non aspettare e chiama il medico

The following two tabs change content below.