Medicina rigenerativa: l’importanza della riprogrammazione cellulare

Medicina rigenerativa: l’importanza della riprogrammazione cellulare

I nostri corpi sono costituiti da diversi tipi di cellule, ciascuna con il proprio ruolo. Lo scienziato giapponese Shinya Yamanaka aveva scoperto, guadagnandosi il premio Nobel nel 2012, che le cellule della pelle adulta possono essere convertite in cellule tipiche dei primi embrioni, le cosiddette cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC). Questo processo è chiamato riprogrammazione cellulare.

Gli iPSC offrono grandi speranze nel campo della medicina rigenerativa: la possibilità di indurre la differenziazione nella maggior parte dei tipi cellulari di un organismo (come ad esempio cellule neuronali, pancreatiche, cardiache ed epatiche), che può essere sfruttata nella rigenerazione di tessuti o organi danneggiati.

 

La riprogrammazione cellulare

Fino ad ora, la riprogrammazione è stata possibile solo introducendo artificialmente nelle cellule della pelle dei particolari geni per la conversione, chiamati fattori Yamanaka, dove normalmente non sono attive.

Da una cellula della pelle ad una staminale

Il professor Timo Otonkoski dell’Università di Helsinki e il professor Juha Kere del Karolinska Institutet e del King’s College di Londra, con i loro team di ricercatori, sono riusciti per la prima volta a trasformare le cellule della pelle in cellule staminali pluripotenti attivando i geni propri della cellula. Ciò è stato ottenuto utilizzando la tecnologia di modifica dei geni, chiamata CRISPR, che può essere diretta ad attivare i geni. Il metodo utilizzato non “taglia il DNA” e può essere usato per attivare l’espressione genica senza mutare il genoma.

Cos’è il CRISPR

CRISPR può essere utilizzato per attivare i geni: questa è un’attraente possibilità per la riprogrammazione cellulare perché più geni possono essere modificati allo stesso tempo.

La riprogrammazione basata sull’attivazione dei geni endogeni è anche un modo più fisiologico di controllare il destino cellulare. In questo studio, mostriamo che è possibile progettare un sistema di attivatore CRISPR che consenta una riprogrammazione importante di iPSC “, dice il professor Otonkoski.

Una chiave importante per il successo è stata anche l’attivazione di un elemento genetico critico che in precedenza era stato trovato per regolare i primi passi dello sviluppo dell’embrione umano dopo la fecondazione. “Usando questa tecnologia, sono state ottenute cellule staminali pluripotenti che somigliavano molto strettamente alle prime cellule embrionali“, dice il professor Kere.

Per saperne di più sulla riprogrammazione cellulare approfondisci quì https://www.oncovita.it/ricerca-riprogrammazione-cellule-tumorali-epigenetica.html

Fonti:
https://www.helsinki.fi/en/news/health/researchers-develop-a-new-method-for-turning-skin-cells-into-pluripotent-stem-cells
https://www.nature.com/articles/s41467-018-05067-x
The following two tabs change content below.

Redazione Sanifutura

Redazione

Ultimi post di Redazione Sanifutura (vedi tutti)