Migliorare contemporaneamente la depressione e la salute intestinale

Migliorare contemporaneamente la depressione e la salute intestinale

Uno studio rivela la connessione tra il cervello e il sistema digestivo attraverso la serotonina, un neurotrasmettitore che è sintetizzato in entrambi i tessuti. 

Secondo gli autori di questo studio, l’aumento della sintesi e della disponibilità della serotonina rappresenta un trattamento adatto nei casi in cui alla depressione si associano problemi intestinali. Oggi esistono integratori di 5-idrossitriptofano capaci di dare un sollievo temporaneo perché a breve durata d’azione. La serotonina infatti appena sintetizzata viene inattivata quasi immediatamente.

I cibi più indicati per integrare la carenza di serotonina

Fino a quando non verrà reso disponibile un integratore di 5-idrossitriptofano a lento rilascio, possiamo accontentarci di migliorare la salute intestinale e la depressione, ad esempio, combinando integratori o cibi ricchi di triptofano con tirosina, un integratore alimentare che promuove la sintesi di serotonina nel cervello e nell’intestino. 

Le uova sono uno dei cibi più ricchi di triptofano, ma quest’ultimo è disponibile anche nel pollo, nel tacchino, e in altre carni bianche, nelle verdure a foglia verde come gli spinaci, nel salmone, nel latte, e nei prodotti lattiero-caseari

Come i probiotici possono essere d’aiuto

Un altro modo per migliorare la salute dell’intestino è fare uso di probiotici. Questi ceppi batterici sono appositamente preparati per modulare il microbiota intestinale e promuovere cambiamenti nel metabolismo e nell’assorbimento intestinale. Un’ottima raccomandazione sarebbe quella di associare alla propria dieta l’integrazione di opportuni probiotici. 

È stato infatti dimostrato che l’alterazione nel microbioma gastrointestinale può influenzare profondamente la neurotrasmissione della serotonina sia nel sistema nervoso periferico che centrale. Si ipotizza che i probiotici come Lactobacillus acidophilus, L. casei, and Bifidobacterium bifidum migliorino i sintomi del sistema nervoso centrale associati a depressione aumentando la produzione di triptofano libero e, a sua volta, aumentando la disponibilità di serotonina.

Questi batteri “amici” sono noti per i loro effetti ansiolitici e antidepressivi, capaci di migliorare molti parametri chimici nel cervello, inclusa la concentrazione di superossido dismutasi, un marcatore dello stress ossidativo associato a deficit cognitivo e a depressione.

Non sottovalutare l’importanza degli stili di vita

Molte altre modifiche dello stile di vita possono contribuire alla sintesi e alla disponibilità di serotonina. Ad esempio, se si desidera mantenere un buon umore e migliorare la salute dell’intestino, è fondamentale mantenere una buona qualità del sonno, un esercizio fisico sano e praticare attività antistress capaci di ridurre l’ansia, una condizione fortemente associata alla depressione.

Fonti:

Israelyan, N., Del Colle, A., Li, Z., Park, Y., Xing, A., Jacobsen, JP, … & Rahim, R. (2019). Effetti della serotonina e del 5-HTP a rilascio lento sulla motilità gastrointestinale in un modello murino di depressione. Gastroenterologia . 

Alabsi , A., Khoudary , AC e Abdelwahed , W. (2016). L’effetto antidepressivo delle nanoparticelle caricate con L-tirosina: aspetti comportamentali. Annals of neurosciences , 23 (2), 89-99.  

Neumeister , A. (2003). Esaurimento del triptofano, serotonina e depressione: a che punto siamo ? Bollettino di psicofarmacologia , 37 (4), 99-115.  

Dash, S., Clarke, G., Berk, M., & Jacka , FN (2015). Il microbioma intestinale e la dieta in psichiatria: attenzione alla depressione. Opinione attuale in psichiatria , 28 (1), 1-6.  

Abdrabou , AM, Osman, EY e Aboubakr , OA (2018). Studio comparativo di efficacia terapeutica di probiotici lattobacilli e citalopram nel trattamento della depressione acuta indotta da stress nei modelli murini di laboratorio. Diario del microbioma umano , 10 , 33-36.

The following two tabs change content below.
Mirko Bandera
Farmacista, Dottore in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Master in Nutrizione e Dietetica, Health Coach Certified, Naturopata, Chef.