fbpx
Alimentazione

Una vitamina con tanti nomi e tante proprietà: la vitamina H

Si sente spesso parlare delle vitamine del gruppo B, le più note sono la B1, la B6, la B9 e la B12 ma non tutti sanno che un ruolo molto importante appartiene alla vitamina B7.

Cos’è

La vitamina H è conosciuta anche come vitamina B7 o inositolo.

Si dovrebbe parlare di inositoli, perché esistono 9 isomeri differenti, ma quello più biodisponibile è il myo-inositolo e solitamente è a questo che si fa riferimento.

È una molecola idrosolubile e per questo va assunta costantemente.

Pubblicità

È presente in molti alimenti ma viene anche prodotta spontaneamente dal nostro organismo per questo appartiene alle cosiddette “non vitamine B”.

Si tratta di una simil-vitamina, la sua azione è però associata a quelle delle altre vitamine del gruppo B, in particolare alla biotina (vitamina B8), all’acido folico (vitamina B9) e all’acido pantotenico (vitamina B5).

A cosa serve?

  • L’inositolo è un componente primario delle membrane cellulari dove si trova sotto forma di fosfatidilinositolo, ma è presente anche nelle lipoproteine del plasma e nel nucleo cellulare.
  • Esplica la sua azione anche a livello dei mitocondri, che sono le centrali energetiche delle cellule e quindi in quei tessuti e organi che ne sono ricchi, in primo luogo fegato e cervello.

Ricordiamo che i mitocondri, oltre ad essere indispensabili per la produzione di energia, rappresentano uno dei poli più importanti di disintossicazione della cellula e questo spiega la sua spiccata attività a livello epatico.

  • Il myo-inositolo svolge un ruolo fondamentale come secondo messaggero di diversi ormoni quali insulina, FSH, TSH.

Quindi una sua carenza determina alterazioni nella risposta a questi ormoni.

Vediamo insieme quali sono le molteplici funzioni attribuite all’inositolo:

  • Svolge un’attività regolatrice nella funzione cardiaca, nel tono vasale, nella respirazione.
  • Favorisce la produzione di lecitina, che ha un ruolo nella pulizia delle arterie e quindi nella riduzione del colesterolo.
  • Interviene nei processi di disintossicazione dell’organismo e del fegato e aiuta a neutralizzare le tossine endogene, quelle prodotte dallo stesso organismo ed esogene: inquinanti, farmaci, cibi, fumo, ecc.
  • Previene il deposito di grassi a livello del fegato prevenendo disturbi più gravi quali steatosi, cirrosi, dislipidemie.
  • Svolge una funzione di sostegno al cervello nei casi di depressione e stress psico-fisico, regolando il corretto funzionamento di vari neurotrasmettitori cerebrali, ad esempio serotonina e acetilcolina.
  • Favorisce infatti il mantenimento della memoria per cui è molto utile alle persone anziane.
  • Fa parte del protocollo terapeutico della cura dell’ovaio policistico, sindrome associata ad alcune anomalie metaboliche, quali intolleranza al glucosio, dislipidemia, ipertensione.
  • In associazione alla vitamina B9, o acido folico, ha azione di prevenzione nella comparsa di difetti del tubo neurale, come ad esempio la spina bifida.

Dove si trova?

L’inositolo si trova in molti alimenti:

  • nel lievito di birra;
  • negli agrumi;
  • nei cereali integrali;
  • nel tuorlo d’uovo;
  • nelle noci;
  • nelle arance;
  • nelle banane;
  • nella carne, in particolare nel fegato.

Quanto ne serve?

Il fabbisogno di vitamina B7, o inositolo, è di circa 500 mg al giorno.

Se manca cosa succede?

La carenza di inositolo è piuttosto rara poiché si trova in molti alimenti e inoltre viene riciclata dopo essere stata utilizzata una prima volta.

I sintomi di una sua carenza sono: ipoglicemia, acidosi e desquamazione della pelle.

Non ci sono invece rischi di sovradosaggio in quanto, essendo idrosolubile, l’eccesso viene eliminato con le urine.

Come somministrarlo?

Va assunto per via orale, ma a causa dell’acidità dello stomaco, si trasforma e modifica la sua efficacia, quindi è necessario somministrarlo in forme gastroresistenti.

Pubblicità

Inositolo e frutto di acerola, un’interessante sinergia…

Una combinazione efficace è quella fra inositolo e acerola.

In particolari circostanze, ad esempio durante il cambio di stagione, in cui possiamo sentire maggiormente stanchezza e affaticamento, in una condizione di convalescenza, oppure se pratichiamo sport regolarmente, il nostro organismo potrebbe richiedere un maggior apporto di nutrienti per sostenere le aumentate funzioni metaboliche.

L’inositolo, per le sue molteplici proprietà a sostegno delle funzioni cerebrali e del tono dell’umore, oltre che la sua azione protettiva e disintossicante del fegato e la sua attività regolatrice della funzione cardiaca, e l’acerola, per la sua azione di sostegno, ricostituente e antiossidante, forniscono benefici a molti tessuti.

Inoltre contrastano lo stress ossidativo e di conseguenza l’invecchiamento cellulare.

L’inositolo è una simil-vitamina fondamentale per il nostro organismo per le sue molteplici funzioni a vari livelli, soprattutto quella di proteggere la funzionalità epatica e preservare il fegato da eventuali eventi patologici.

Si usa spesso in associazione con acerola per sostenerci in condizioni di affaticamento e stress psico-fisico, che possono subentrare in particolari circostanze, ad esempio nei cambi di stagione, durante le convalescenze o se si pratica attività sportiva regolare. 

Fonti:

https://www.humanitasalute.it/enciclopedia/vitamine/86417-vitamina-b7-inositolo-2/

www.promin.it/inositolo/

https://guna.com/it/elenco/prodotti/vitformula-acerola/?utm_source=ElisirdiSalute&utm_medium=web&utm_campaign=maggio

https://www.inositoli.it/differenza-inositolo-myoinositolo-dchiroinositolo/

Farmacista
Farmacista specializzata in terapie naturali, quali fitoterapia, omeopatia e floriterapia e scrittrice per passione.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni