fbpx
Alimentazione

Uova di quaglia, un aiuto contro le allergie

Quando si parla di allergie si apre un panorama infinito di cause scatenanti e di reazioni a queste. Oggi è difficile trovare una persona che non abbia, o non abbia avuto, una reazione allergica anche lieve nel corso degli anni.

Non sempre si nasce allergici a qualcosa, spesso lo si diventa.

Vediamo di scoprire cosa ci porta a sviluppare le allergie e soprattutto come affrontarle.

Perché si diventa allergici?

Normalmente il nostro sistema immunitario, che comprende anticorpi, globuli bianchi, mastociti, proteine del complemento e altre sostanze, difende il nostro organismo da sostanze estranee, definite antigeni.

Nelle persone predisposte il sistema immunitario può reagire in modo eccessivo all’esposizione a certe sostanze (gli allergeni), presenti nell’ambiente, negli alimenti o nei farmaci.

Ne deriva, quindi, una reazione allergica.

Quando il sistema immunitario è esposto per la prima volta ad un allergene, produce un tipo di anticorpo detto immunoglobulina E (IgE) che si lega ai basofili (un tipo di globuli bianchi) presenti nel sangue e ai mastociti, presenti nei tessuti. La prima esposizione rende il soggetto sensibile all’allergene, ma spesso non provoca sintomi.

Quando il soggetto sensibilizzato incontra nuovamente l’allergene, i basofili ed i mastociti, che contengono IgE, rilasciano sostanze che inducono gonfiore o infiammazione.

Quali sono i sintomi dell’allergia?

Molte reazioni allergiche da lievi a moderate si manifestano con sintomi che vanno dal prurito e irritazione degli occhi ad un coinvolgimento del naso con secrezioni e starnuti, ma anche con la possibile presenza di orticaria con la formazione dei classici pomfi pruriginosi.

Se la parte tumefatta dall’orticaria dovesse interessare parti estese del nostro organismo allora si parla di angioedema che può essere grave. 

Reazioni allergiche più importanti possono scatenare attacchi di asma.

Si possono avere anche reazioni anafilattiche, ovvero reazioni allergiche improvvise. Questo tipo di reazione è spesso pericolosa e potenzialmente letale perchè si possono restringere o gonfiarsi le vie aeree impedendo la normale respirazione. Si può avere anche un calo importante della pressione sanguigna perché i vasi sanguigni possono dilatarsi.  

Quali sono i fattori scatenanti di un’allergia?

Vediamo prima di tutto dove possiamo trovare gli allergeni maggiormente responsabili delle fastidiose o temute reazioni allergiche.

Nell’aria troviamo i pollini, gli acari della polvere, le muffe. Ad esempio l’allergia alle graminacee è una delle più diffuse; si stima che addirittura il 10-15% della popolazione ne soffra.

Tra marzo e settembre le graminacee fioriscono e disperdono nell’ambiente i pollini, responsabili di reazioni allergiche, caratterizzate da sintomi simili a quelli di un comune raffreddore, ma anche da manifestazioni allergiche più importanti come l’asma, l’orticaria e la congiuntivite.

Le graminacee più comuni sono il frumento, l’orzo, l’avena, la segale, il mais ed il riso. Se siamo dei soggetti allergici a questi pollini, non sottovalutiamo il rischio di introdurre gli stessi allergeni con l’alimentazione.

In alcuni alimenti sono presenti degli allergeni che possono dar vita a reazioni anche gravi.

L’allergia all’uovo, ad esempio, è molto diffusa nei bambini e tendenzialmente si risolve con l’arrivo dell’adolescenza. Nel tuorlo e nell’albume sono presenti delle proteine che possono scatenare l’allergia, ma fortunatamente non si arriva quasi mai a crisi anafilattiche.

Anche le punture di insetto, soprattutto quelle delle vespe e delle api, possono scatenare delle reazioni allergiche a volte anche importanti e pericolose.

Vi sono sostanze che, a contatto con la pelle, la possono irritare. Tra queste troviamo il lattice e il nichel.

L’allergia al nichel è una delle cause principali di dermatite allergica da contatto. E’ spesso associata all’uso di orecchini, orologi ed altri oggetti metallici, ma può essere scatenata anche dal contatto con oggetti comuni come chiavi, monete e maniglie.

Il sintomo principale dell’allergia da nichel è generalmente uno sfogo pruriginoso che compare quando la pelle entra in contatto con un oggetto contenente questo metallo.

Pubblicità

Un aiuto contro le allergie dalla dieta 

Se, come abbiamo visto, le allergie dipendono dal nostro sistema immunitario, vediamo con quali sostanze possiamo “aiutarlo” a non scatenare le fastidiose reazioni.

Un’assunzione equilibrata di vitamine A, B, C ed E, associata a dei minerali quali lo zinco, il calcio, il magnesio, aiuta senza dubbio a preservare le difese dell’organismo, contribuendo così all’ottimizzazione della risposta immunitaria. Una dieta il più possibile varia, che comprenda frutta e verdura fresca, è senza dubbio il modo migliore per non farci mancare questi preziosi nutrienti.

Gli antiossidanti ( come la vitamina A,C,E ) sono fondamentali per sostenere il nostro sistema immunitario e, a tale proposito, si è scoperto che le uova di quaglia ne sono un vero scrigno.

Le uova di quaglia hanno richiamato l’attenzione in quanto posseggono un profilo nutrizionale molto interessante.

Innanzi tutto sono ricche di antiossidanti, come la vitamina A

Per uova di quaglia intendiamo le cellule germinali femminili non fecondate della quaglia giapponese.  

Nell’antichità le uova di quaglia  giapponese erano note per avere proprietà terapeutiche antiallergiche; ma fu il Dr Truffier che, nel 1967, accese i riflettori sulle proprietà di questo alimento per curare le allergie da allergeni respiratori.

Infatti nell’albume dell’uovo di molte specie aviarie, tra cui la quaglia, è presente l’ovomucoide che ha un’azione antinfiammatoria e antiallergica.

Il protocollo del Dr Truffier, pur portando effetti clinici benefici, non era privo di inconvenienti come l’aumento di peso, l’ipercolesterolemia e problemi digestivi. Per questo motivo si sono cercate forme galeniche, cioè a base di estratto ottenuto con la liofilizzazione dell’albume e del tuorlo, che superassero le controindicazioni conservandone le proprietà.

Fonti:

https://www.msdmanuals.com/it-it/casa/disturbi-immunitari/reazioni-allergiche-e-altri-disturbi-da-ipersensibilit%C3%A0/panoramica-sulle-reazioni-allergiche

www.humanitas.it/malattie/allergia/

www.paolettisfarm.it/uova-di-quaglia-ricchi-di-proprieta-e-benefici/

Laureata in Lettere, freelance
Laureata in Lettere, freelance.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

0 Condivisioni